Presepe vivente di Genga, a dicembre
23 dicembre 2015
Jesi: un viaggio tra Storia, Sport & Gusto
30 dicembre 2015

Grotte di Frasassi: il complesso carsico più grande d’ Europa!

Le Grotte di Frasassi sono una delle più importanti mete turistiche della provincia di Ancona e della regione Marche.

Situate all’ interno del Parco Naturale regionale della Gola della Rossa e di Frasassi, sono un affascinante viaggio nel mondo sotterraneo attraverso una serie di grotte che lo rende il complesso carsico più grande d’Europa. La visita guidata è una passeggiata di circa 1 ora e 15 minuti alla temperatura costante di circa 14 gradi, accessibile a tutti con scarpe comode.

L’ Abisso Ancona è un’ enorme cavità con un’estensione di 180 x 120 metri ed un’altezza di 200: è talmente ampia (oltre 2 milioni di m3 di volume) che al suo interno potrebbe essere contenuto senza problemi il Duomo di Milano.

La scoperta delle Grotte di Frasassi (Grotta Grande del Vento) risale al 1971.

La prima grande scoperta speleologica nell’area di Frasassi, quella della Grotta del Fiume, avvenne precedentemente nel 1948 ad opera del Dott.Mario Marchetti cofondatore del Gruppo Speleologico Marchigiano di Ancona. Negli anni 50 e 60, i gruppi del CAI (Club Alpino Italiano) di Jesi e Fabriano esplorarono le cavità della zona, tra cui, nel 1966, una diramazione lunga più di 1 km che parte dalla Grotta del Fiume.

Nel luglio 1971 un gruppo di 7 esploratori jesini viene attirato da una forte corrente d’aria che fuoriesce da una piccola apertura. Dopo aver ampliato la dimensione del passaggio (chiamato in seguito Strettoia del Tarlo) per renderlo praticabile, gli esploratori si inoltrano in una fitta rete di gallerie, cunicoli, pozzi e grotte per una lunghezza di circa 5 km.

La prima traccia della scoperta più rilevante, quella della Grotta Grande del Vento, si avrà nel giugno 1971. Inizialmente gli scopritori si trovarono in questa grande grotta al buio totale e le attrezzature allora esistenti non permisero loro di scendere fino alla base della cavità sottostante, quindi si stimò l’altezza della grotta lanciando un sasso e misurando il tempo di caduta. Un primo approssimativo calcolo portava all’inaspettata altezza di oltre 100 m. Successivamente gli esploratori si dotarono di attrezzature adeguate e esplorarono l’immenso spazio, che venne chiamato “Abisso Ancona” in onore della città degli scopritori. La notizia della scoperta fu diffusa tramite stampa, ed è da questo momento che inizia la notorietà al grande pubblico delle Grotte di Frasassi.

Le scoperte continuarono e si susseguirono negli anni e numerosi altri ambienti più o meno accessibili furono scoperti ed esplorati dagli speleologi. Al momento il complesso delle grotte di Frasassi ha una lunghezza di oltre 40 km.

Si assunse il compito e la responsabilità delle misurazioni l’ingegner Aldo Neroni Mercati di Fabriano a cui in seguito venne affidato dall’Amministrazione del Comune di Genga l’incarico di progettazione dell’opera (a ricordo del suo lavoro, fino a pochi anni fa era affissa una piccola lapide all’ingresso delle grotte).


 

All’interno delle grotte di Frasassi c’è, durante tutto l’anno, una temperatura costante di 14 °C e un’umidità relativa prossima al 100%.
E’ necessario recarsi in biglietteria 30 minuti prima dell’ingresso scelto.

Per chi vuole vivere la grotta più da vicino accompagnati da guide speleo, è possibile prenotare uno dei percorsi speleo avventura, con diversi livelli di difficoltà.

Cerchi un Hotel per visitare le grotte di Frasassi a Genga e tutte le bellezze della provincia di Ancona? Sei alla ricerca di un comodo albergo per visitare l’ entroterra delle Marche? Un hotel per un viaggio turistico nelle Marche o un hotel alberdo nella Vellesina?